24/04/12

Fiera di Cagliari 2012 - attuale termometro del disastro causato dai partiti

Cagliari, operatori in rivolta alla Fiera
Ingresso gratuito contro la crisi


Biglietti gratis alla Fiera nei giorni feriali per combattere la crisi e consentire agli espositori di aumentare un volume di affari che, evidentemente, in questi primi giorni di apertura non ha dato grandi soddisfazioni.

La svolta ieri mattina quando una delegazione di commercianti ha chiesto e ottenuto un incontro con i vertici di Camera di Commercio ed Ente Fiera. Molti operatori si erano radunati poco prima davanti alla direzione proprio in vista di un colloquio. Per questo il Padiglione delle Nazioni, la struttura circolare che ospita i commercianti dei Paesi esteri, è rimasto chiuso per circa un'ora. L'incontro è durato sino al termine della mattinata e ha consentito la clamorosa svolta: ingresso gratis nel quartiere fieristico ad eccezione dei festivi per consentire agli operatori di lavorare di più.
Segue da  Unione Sarda on line
la fiera è il termometro del disastro causato dai partiti
i politicanti incapaci senza scrupoli di tutti i partiti,
hanno paralizzato la Sardegna sotto tutti gli aspetti, 
la fiera doveva essere il biglietto da visita - vetrina 
e motore trainante di uno sviluppo e di un'economia 
in continua crescita, si è ridotta ad un mercatino 
per gli ambulanti dei mercati rionali. 
 Esistono dei colpevoli precisi facilmente identificabili 
che devono pagare gli incalcolabili danni 
di una SARDEGNA distrutta con i SARDI alla fame 
Commento Da Unione Sarda on line

Read more...

22/04/12

Fiaccolata a Siliqua contro l'istigazione al suicidio

«Scusatemi, ma forse non è solo colpa mia»
 Purtroppo un'altra vittima  si è aggiunta ieri alla lunga lista di persone oneste, travolte dalla disperazione dopo aver usato tutte le loro energie per procurare alla loro famiglia i mezzi per sopravvivere - senza riuscirci, persone che di solito corrispondono a laboriosi ed esperti professionisti e lavoratori che hanno sempre svolto alla perfezione il loro lavoro, ma che tendono a incolpare se stessi per colpe che assolutamente non gli competono.
Ieri c'è stata a Siliqua una fiaccolata contro il sistema politico irresponsabile che "da fonti alternative ai media ufficiali" risulta faccia solo gli  interessi dei banchieri e multinazionali, che pensa solo a tassare le persone oneste pur sapendo che non sono in grado di pagare.
Lo stato stà chiedendo a un numero sempre maggiore di cittadini, di pagare più di quanto riescono a gudagnare, non si ferma neanche di fronte a chi dallo stato stesso è stato costretto a restare inattivo e non poter più guadagnare niente nè per se nè per la sua famiglia. Non si capisce con quale sfacciataggine chiedano di pagare a chi ha sempre fatto il proprio dovere, per una crisi che appare chiaramente  costruita ad arte, nel mentre che l'intera classe politica anzichè assumersi le proprie responsabilità e accettare di farsi carico delle proprie colpe e iniziare a pagare loro stessi nella persona di ogni singolo politico "i disastri che hanno causato", cercano solo scuse riguardo alle cause del disastro attuale e si preoccupano esclusivamente di come continuare a rendersi credibili invadendo e monopolizzando i media per confondere e distrarre da ciò che stà realmente accadendo.
La pazienza dei cittadini pare che oramai è finita e che è arrivata l'ora di creare una vera svolta per dire basta prima di tutto a questi suicidi che sempre più persone riconoscono come omicidi, ma soprattutto per creare una nuova realtà a misura di essere umano, nella quale non ci sia più nessuna possibilità per offenderne  la dignità - così come qualcuno stà spudoratamente faccendo.
Per creare una nuova società ove sia possibile far trionfare la vera giustizia e il pieno rispetto reciproco, prima di tutto,  per riconoscenza e in onore di chi ha dato la propria vita per colpe altrui.
Filmato manifestazione di ieri 21 aprile a Siliqua:

Read more...

07/04/12

Lega Nord parla di pulizia, speriamo sia completa e definitiva


Maroni: «Pulizia, pulizia, pulizia»
E Bossi: «Io ora devo stare un passo indietro»


Su Facebook: «Rivoglio la Lega che conosco». E il Senatùr : «Starò lontano». In mattinata nuovo vertice in via Bellerio

MILANO - «Pulizia, pulizia e pulizia, senza guardare in faccia nessuno». La richiesta non arriva dai militanti delusi. Ma da Roberto Maroni che sulla sua pagina Facebook invita i sostenitori alla serata leghista di martedì a Bergamo. Il messaggio ha già ricevuto oltre cento apprezzamenti e numerosi commenti. «Rivoglio la Lega che conosco - scrive ancora Maroni - quella dei militanti onesti che si fanno un culo così sul territorio senza chiedere nulla in cambio».
continua da corriere.it


Forse è stato sempre tutto a posto, basta vedere che persone avete avuto e avete tra i vostri vertici:





Molto probabilmente la partitocrazia di qualsiasi genere e colore essa sia è arrivata a un bivio, c'è solo da sperare che si riesca a fare pulizia completa affinchè non ne rimanga nessuna traccia, speriamo senza dover far ricorso a una  guerra civile che è sempre più alle porte, per sancire il neccessario cambiamento che faccia nascere una società nuova gestita da persone veramente oneste e  capaci per fare i migliori e giusti interessi di tutti i cittadini onesti.



Read more...

Dennunciato Napolitano, Monti, ministri, parlamento, e altri


L’avvocato di Cagliari Paola Musu ha denunciato il Presidente della Repubblica, il Presidente del Consiglio, i Ministri, i membri del Parlamento e tutte le persone che si dovessero verificare come coinvolte, per i seguenti reati:

241 codice penale: attentato contro integrità, indipendenza unità dello Stato Italiano
270 cp: associazioni sovversive
283 cp: attentato contro la Costituzione dello Stato Italiano
287 cp: usurpazione di potere politico
289 cp: attentato contro gli organi costituzionali
294 cp: attentato contro i diritti del cittadino
304 cp: cospirazione politica mediante accordo
305 cp: cospirazione politica mediante associazione


Read more...

05/04/12

Ruspe in azione a Tortolì, Orrì, Fiordalisi fa demolire le ville abusive

Tortolì, ore 7: ruspe in azione a Orrì
Fiordalisi fa demolire le ville abusive

Sigilli alle case abusive - foto d'archivio 
Con l'abbattimento di una ringhiera ha ufficialmente preso avvio il piano di demolizioni delle case abusive che orlano il litorale di Orrì, in Comune di Tortolì.
Le ruspe, entrate in azione alle 7 e 30 della mattinata di ieri, hanno ricevuto il preciso mandato dal procuratore di Lanusei Domenico Fiordalisi. Il piano di risanamento del tratto di costa interessato dalla lottizzazione abusiva, che si estende in località 'Is Murdegus', ha avuto inizio dalla proprietà di Pierpaolo Scalas. La ringhiera, divelta dalla recinzione, costituisce il simbolo del contestato intervento di salvaguardia ambientale.
da articolo Unione Sarda


E' molto facile confondere e scambiare legalità con giustizia, quest'azione è molto discutibile. Se vivessimo in un paese ove le leggi venissero fatte da persone competenti che non avessero secondi fini ma unicamente quello di garantire la tutela dei cittadini onesti da eventuali abusi di qualsiasi genere, allora sarebbe giusto far rispettare le leggi alla lettera senza sconti per nessuno. Sappiamo benissimo che i legislatori che abbiamo avuto non sono stati assolutamente all'altezza della situazione, se lo fossero stati la Sardegna oggi sarebbe un gioiello sotto tutti gli aspetti. Eventuali demolizioni andrebbero valutate caso per caso. Resta chiaro che non è assolutamente accettabile che una persona che ha fatto grandi sacrifici per costruirsi una casa ove abitare con la sua famiglia, una casa che poi non deturpa il paesaggio, possa essere demolita e la sua famiglia messa sulla strada solo perchè non ha rispettato leggi molto discutibili scritte da persone molto discutibili, perchè non si è lasciato impantanare da ostacoli burocratici insormontabili sia in termini di tempi che di costi. Sarebbe molto più giusto andare a cercare ed applicare le leggi che potessero punire i veri colpevoli che hanno creato la disastrosa situazione sociale ed economica che stiamo vivendo, che hanno pure impedito a persone oneste di poter lavorare onestamente e costruirsi una casa rispettando leggi giuste fatte nell'interesse di tutti.

Read more...

04/04/12

Di Pietro accusa Monti, perchè lui non ha colpe?

Governo, Di Pietro accusa: "Monti ha sulla coscienza i suicidi"

ROMA (Reuters) - Durissime accuse al governo sono state lanciate oggi da Antonio Di Pietro, leader dell'Idv all'opposizione, oggi alla Camera, durante le dichiarazioni di voto sul decreto legge sulle semplificazioni burocratiche.
Contestando la politica economica dell'esecutivo di Mario Monti, Di Pietro ha detto che "vi sono persone che non arrivano a fine mese che si stanno suicidando. Lei ce li ha sulla coscienza questi suicidi, perché lei sta usando due pesi e due misure".
segue articolo completo di Reuters

Ma scusa Di Pietro, sul fatto che si sia arrivati a una situazione così disastrosa tu ritieni di non avere nessuna colpa? Dov' eri quando il governo Prodi ha fatto nascere equitalia e quando gli studi di settore sono diventati legge? Durante tutti gli anni nei quali hai ricoperto ruoli istituzionali sia tu che i tuoi amici di partito siete sempre stati pagati regolarmente con i soldi dei cittadini che hanno avuto solo obblighi ma non diritti, se tu ritieni e vuoi dimostrare di essere corretto e nel giusto comincia a dare il buon esempio, se siamo in questa situazione qualche responsabilità è legata anche a te e ai tuoi prodi di partito. Se il comune cittadino che si è impegnato con tutte le sue capacità ed energie a guadagnarsi onestamente da vivere è stato costretto al suicidio, allora perchè tu e i tuoi che ricoprendo cariche istituzionali non siete riusciti a raggiungere gli obiettivi che garantissero che la società funzionasse in maniera equilibrata dovete comunque essere pagati? Se la situazione attuale fa si che lavoratori onesti siano costretti a perdere i sacrifici di una vita di duro e onesto lavoro non per colpa loro, ma per colpe attribuibili esclusivamente a tutti quelli che hanno governato fino ad oggi, perchè non cominciate a dare veramente il buon esempio  e a restituire tutti i soldi che avete percepito fino ad oggi per i ruoli istituzionali che avete ricoperto?

Read more...

Grande manifestazione a Cagliari contro il nucleare il 26/03/11

Grande manifestazione a Cagliari contro il nucleare

Oggi 26 marzo 2011, grande manifestazione a Cagliari contro le centrali nucleari, circa 4000 persone presenti. Senza dubbio è un grande passo avanti da parte dei sardi.

leggi

UNITA' DI SARDEGNA 150° anniversario

UNITA' DI SARDEGNA 17/03/2011 150° anniversario

Per i Sardi delle isole e della penisola è arrivata l'ora di fare giustizia a se stessi e alla storia.Nel 1861, dopo tante battaglie compattute dai valorosi Sardi, venne quasi ultimato il progetto di unificazione del regno di Sardegna.

leggi

  © sardegnanotizie.org -PBT- by sn.o 2009

Back to TOP